Privacy Policy
Per poter accedere e navigare nel sito di proprietà di Caradonna Immobiliare (caradonnaimmobiliare.it) , non è richiesta alcuna registrazione, infatti tutte le schede prodotto sono liberamente consultabili. E’ necessario, invece lasciare i propri dati nel momento in cui si decide di iscriversi alla newsletter periodica. In questo caso ti verrà richiesto di lasciare le informazioni strettamente necessarie all’invio delle comunicazioni. Questi dati sono soggetti al rispetto dell regolamento generale sulla protezione dei dati (Regolamento UE 2016/679), noto come GDPR, General Data Protection Regulation. I dati personali sono trattati, nell’ambito della normale attività della nostra azienda, per: finalità strettamente connesse e strumentali alla gestione dei rapporti con il compilante (statistiche interne, feed back di gradimento, acquisizioni preliminari di informazioni dirette alla conclusione di un contratto o alla fornitura di un servizio, ecc.); finalità connesse agli obblighi previsti dalle leggi vigenti; se espressamente consentito nel form di registrazione, per finalità promozionali ovvero per l’invio di materiale redazionale. L’interessato gode espressamente e gratuitamente dei diritti di cui all’art. 11 e 12 del regolamento, e cioè: di chiedere conferma della esistenza presso la sede di Caradonna Immobiliare dei propri dati personali; di conoscerne la loro origine, la logica e le finalità del loro trattamento; di ottenere l’aggiornamento, la rettifica e l’integrazione; di chiederne la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco in caso di trattamento illecito; di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o nel caso di utilizzo dei dati per invio di materiale pubblicitario, informazioni commerciali, ricerche di mercato, di vendita diretta e di comunicazione commerciale interattiva, fermo restando che l’ottenimento della cancellazione dei propri dati personali è subordinato all’invio di una comunicazione scritta inviata alla sede della società. Il termine per la risposta all’interessato è, per tutti i diritti (compreso il diritto di accesso), 1 mese, estendibili fino a 3 mesi in casi di particolare complessità; il titolare deve comunque dare un riscontro all’interessato entro 1 mese dalla richiesta, anche in caso di diniego. Spetta al titolare valutare la complessità del riscontro all’interessato e stabilire l’ammontare dell’eventuale contributo da chiedere all’interessato, ma soltanto se si tratta di richieste manifestamente infondate o eccessive (anche ripetitive) (art. 12.5), a differenza di quanto prevedono gli art. 9, comma 5, e 10, commi 7 e 8, del Codice, ovvero se sono chieste più “copie” dei dati personali nel caso del diritto di accesso (art. 15, paragrafo 3); in quest’ultimo caso il titolare deve tenere conto dei costi amministrativi sostenuti. Il riscontro all’interessato di regola deve avvenire in forma scritta anche attraverso strumenti elettronici che ne favoriscano l’accessibilità; può essere dato oralmente solo se così richiede l’interessato stesso (art. 12, paragrafo 1; si veda anche art. 15, paragrafo 3). La risposta fornita all’interessato non deve essere solo “intelligibile”, ma anche concisa, trasparente e facilmente accessibile, oltre a utilizzare un linguaggio semplice e chiaro.